Scandalo a Napoli: Manca il Pagamento degli Affitti Comunali per 283 Milioni di Euro

Indagine della Corte dei Conti

Un’indagine della Procura della Corte di Conti della Campania ha rivelato un credito di oltre 283 milioni di euro, gran parte del quale risulta essere inesigibile, relativo agli affitti del patrimonio immobiliare del Comune di Napoli. Questo enorme danno erariale è emerso in seguito alla notifica di 15 inviti a dedurre a dirigenti ed ex dirigenti comunali e della società “Napoli Servizi”, responsabile della gestione, dismissione e valorizzazione del patrimonio immobiliare comunale.

 

Cifre Vertiginose e Impossibilità di Riscossione

Il danno erariale stimato per una decina di immobili vagliati è di circa un milione di euro, ma l’ammanco complessivo per tutti gli immobili commerciali del Comune di Napoli supera gli 80 milioni di euro. Questi includono sedi ed ex sedi di partiti politici, nonché locali destinati ad attività religiose. Il Comune di Napoli, già gravato da un debito di circa 5 miliardi di euro, versa in uno stato di sofferenza finanziaria, e i fondi destinati al “Patto per Napoli” sono condizionati dalla corretta gestione del suo patrimonio immobiliare.

 

Noti Imprenditori Tra gli Occupanti Senza Pagare

Una delle rivelazioni più sorprendenti è che molti dei locali, anziché essere affittati regolarmente, sono stati occupati senza pagamento da parte di soggetti societari, inclusi noti imprenditori della città. Nonostante le notifiche di mora inviate dalle autorità, le società locatarie sono state incapaci di riscuotere i canoni d’affitto, e molti di questi locali sono stati occupati illegalmente da altri soggetti.

 

Impatto sull’Economia Locale e sulla Concorrenza Commerciale

La Procura contabile ha messo in luce come questa situazione abbia favorito una posizione di vantaggio per coloro che occupavano locali comunali senza pagare l’affitto, a discapito dei commercianti che rispettavano regolarmente i loro obblighi finanziari. La mancanza di pagamento degli affitti ha influito negativamente sull’economia locale, creando una concorrenza sleale tra commercianti.

 

Reazioni e Misure adottate

Le segnalazioni della magistratura contabile hanno portato a un cambiamento nel comportamento dell’amministrazione, che ha adottato misure per evitare ulteriori danni finanziari. Tuttavia, le indagini hanno evidenziato responsabilità di funzionari comunali accusati di non aver contestato i ritardi nella riscossione degli affitti, contribuendo all’accumulo di una morosità considerevole nel tempo.

In definitiva, il caso dei mancati affitti sul patrimonio immobiliare del Comune di Napoli rappresenta non solo una grave perdita finanziaria, ma anche un problema di trasparenza e gestione che richiede azioni immediate per tutelare gli interessi della città e dei suoi cittadini.

Recommended Posts